Assicurazione auto scaduta: quali sono le conseguenze?

L’assicurazione dell’auto è fondamentale per la tutela in caso di imprevisti, a prescindere dal fatto che la responsabilità dell’avvenimento sia propria o meno. Per questo motivo la mancanza dell’assicurazione è soggetta a multe, che a dipendenza dei casi possono superare i 9.000€, a cui si aggiunge il sequestro del veicolo. Ma cosa succede se, sbadatamente, si dimentica di rinnovare la propria assicurazione?

Niente paura, c’è il “periodo di tolleranza”

Le conseguenze, se affrontate per tempo e nel modo opportuno, non sono catastrofiche. In primo luogo è bene ricordare che per l’assicurazione dei veicoli non è più contemplato il rinnovo automatico, quindi è necessario occuparsene periodicamente. Un fattore fondamentale, soprattutto per chi è in possesso di un veicolo da prima del 2013 (anno in cui questa regola è entrata in vigore) e non ha mai avuto modo di aggiornarsi sulle novità in materia.

I vantaggi dell’annullamento del rinnovo automatico sono notevoli, e tra questi spicca la possibilità di rivolgersi alle agenzie più convenienti senza doversi impegnare in faccende burocratiche, ma semplicemente attendendo la scadenza. Per chi invece, più semplicemente, dimentica di procedere con il rinnovo, è concesso un periodo di tolleranza, dalla durata di 15 giorni e durante cui l’assicurazione sarà valida. Un buon paracadute per i più sbadati, di cui comunque è sempre meglio non approfittare, al fine di non incorrere in spiacevoli malintesi.

Quali sono i limiti durante il periodo di tolleranza?

Il lasso di tempo citato è soggetto ad alcune restrizioni. La sua validità riguarda solo il territorio italiano, e la scadenza di questo periodo è fissata precisamente alle 23:59 del quindicesimo giorno dalla cessazione del contratto assicurativo. Inoltre, sempre che il contratto non riporti informazioni dettagliate in merito, non è valido al di fuori della responsabilità civile. Nel rispetto di quanto appena elencato non si fa eccezione per i neopatentati. Ogni agenzia assicurativa è obbligata per legge a concedere il periodo di tolleranza, e vale per le assicurazioni di tipo semestrale così come per quelle a cadenza annuale.

Come collaborano le agenzie assicurative?

Sebbene non sia obbligatorio, l’avviso da parte delle agenzie assicurative è diffuso. Questo può avvenire per via digitale, quindi tramite i sistemi di messaggistica e-mail o attraverso delle applicazioni apposite per dispositivi mobili, una tecnologia a cui ormai tantissime compagnie si sono adeguate. L’avviso viene inviato con un anticipo di un mese sulla scadenza, in modo da lasciare agli utenti il tempo per organizzare opportunamente le proprie risorse.

Come già accennato, il fatto che ogni polizza sia accompagnata dal periodo di tolleranza non è una buona giustificazione per spostarsi a bordo del veicolo senza la copertura assicurativa. Le proprie responsabilità in caso di incidente sarebbero comunque prese in considerazione, con la differenza che il pagamento si dovrebbe assumere di tasca propria, senza il supporto di un’agenzia.

Niente posto di blocco? Si viene comunque individuati

Pur guidando con la massima prudenza si può comunque essere individuati automaticamente, grazie ai più moderni sistemi presenti a bordo dei mezzi delle Forze dell’Ordine. E non bisogna dimenticare che l’assicurazione può essere verificata e contestata anche durante una sosta in una zona pubblica. Nel caso in cui si dovesse disporre di un veicolo con assicurazione scaduta è bene custodirlo in un’area privata, e rivolgersi tempestivamente a un’agenzia assicurativa prima del riutilizzo su strada.

5.00