Cambia Assicurazione facilmente senza il Tacito Rinnovo

Cambiare con facilità la Compagnia di Assicurazione oggi si può. Il cliente non è più obbligato a disdire la vecchia polizza prima di sottoscriverne un’altra. Il tacito rinnovo, cioè il rinnovo automatico alla scadenza, non è più in vigore.

E’ stato abolito e ora basta far scadere la polizza attiva per esserne svincolati. Dal Dicembre 2012 sono state modificate le normative, e il nuovo articolo 170-bis del Codice Assicurativo prevede una nuova libera concorrenza tra le Assicurazioni, per la responsabilità civile di veicoli a motore e natanti.

Non si rimane così legati alla Compagnia di fiducia che per anni ci ha gestito ogni tipo di polizza assicurativa. Ora vige la libertà di scegliere quella che costa meno, con preventivi migliori in rapporto qualità-prezzo. Ogni anno saremo liberi di variare nuovamente, scegliendo quella migliore che più ci aggrada.

E’ facile cambiare?

Ecco la domanda più gettonata: è facile cambiare compagnia di assicurazione? La risposta è SI.
Grazie ai decreti Bersani e alle liberalizzazioni attuate.
Esistono due casi, due situazioni da analizzare.

Polizza senza tacito rinnovo:

Nel primo semplice caso, la polizza non ha un tacito rinnovo. In questo caso, alla scadenza di quest’ultima (di solito annuale) il cliente si svincola dalla Compagnia, salvo che provveda al pagamento del premio assicurativo successivo.
Questo tipo di contratto è in voga tra le Assicurazioni telefoniche e online per le polizze RCA Auto.

Ricordiamo a tutti che i contratti RCA prevedono l’invio da parte delle Assicurazioni dell’attestato di rischio entro trenta giorni dalla data di scadenza della polizza, per agevolare l’utente nell’eventuale cambio di assicurazione. Questo invio non è tuttavia obbligatorio. Dal primo Luglio 2015 troviamo disponibile tale cartaceo in formato elettronico, a disposizione delle Assicurazioni in una banca dati gestita dall’ANIA e controllata dall’IVASS.

Polizza con tacito rinnovo:

Nel secondo caso, incontriamo dei contratti con il tacito rinnovo, rivolti solitamente a polizze vita e infortuni, responsabilità civile verso terzi, ecc. In questa situazione, dovremo disdire il contratto prima della scadenza, entro la data prefissata, tramite una raccomandata con ricevuta di ritorno, o consegnando personalmente la richiesta, e chiedendone una copia con timbro per ricevuta, data e firma.

Se non viene pagato il premio, di consuetudine la polizza decade, si considera rescissa anche senza la comunicazione scritta di disdetta. Consigliamo di non fidarsi però di questa pratica non ortodossa, nemmeno in un buon vecchio rapporto di fiducia col proprio assicuratore.

Attenzione a decorrenza e disdette:

Ci sono stati casi di disdetta tramite fax, verbali o telefonici ritenuti invalidi da alcune compagnie battagliere, che si sono avvalse di un giudice di pace per obbligare i clienti al pagamento delle polizze in vigore. La legge si pone dalla parte delle Compagnie creditrici, esigendo dal cliente il pagamento del premio, aggiungendo costi legali a partire da cinquecento euro.

Il pagamento dell’eventuale nuova polizza va fatto entro la data di scadenza della vecchia polizza in corso. Si eviterà così di rimanere scoperti. Fare molta attenzione alla data di decorrenza del contratto, per non avere problemi nella circolazione senza la copertura assicurativa obbligatoria.

0.00