Gli effetti collaterali delle polizze auto gratuite

Polizze omaggio

Acquistando un’automobile nuova si può usufruire, tra i vari optional, anche di un’offerta allettante: quella della polizza RC auto inclusa nella spesa. La polizza gratuita copre in genere un periodo di 12 mesi, ma in alcuni casi può protrarsi anche più a lungo. Una strategia di marketing, questa, adottata da molte case automobilistiche per incentivare l’acquisto di autoveicoli.

I risvolti negativi dell’offerta

Ma ecco il rovescio della medaglia: una volta terminato il periodo di assicurazione gratuita, i clienti perderebbero i benefici, per sé e per i propri familiari, della classe di merito acquisita prima dell’acquisto del mezzo, con un aumento significativo dei premi successivi. Questo piccolo inconveniente sembrerebbe collegato al tipo di polizza offerto dalle concessionarie.
L’offerta include infatti due tipi di assicurazioni:

  • la polizza auto libro matricola, che consente alla concessionaria di contrarre un’unica assicurazione per tutti i veicoli posseduti; in questo caso il proprietario del mezzo acquistato non diventa l’intestatario della polizza, poiché si tratta di una garanzia relativa a un parco veicoli;
  • la polizza auto con formula a franchigia, che stabilisce la parte dell’eventuale danno che l’assicurato deve risarcire. La franchigia può essere indicata nel contratto attraverso una percentuale o un importo fisso ed è quindi su questo valore che l’assicurato si basa per decidere se denunciare o risarcire da solo il danno di un eventuale sinistro.

Cosa dice l’IVASS

In merito al problema riscontrato dai fruitori delle polizze gratuite è intervenuto l’IVASS (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni), che suggerisce innanzitutto di informarsi attentamente sul tipo di polizza offerto dalla concessionaria prima di sottoscrivere l’offerta. Vengono quindi spiegati gli effetti negativi derivanti da questi due tipi di polizze:

  • lo storico assicurativo del cliente viene automaticamente annullato nel momento in cui egli decide di usufruire della polizza gratuita (di tipo a libro matricola o con franchigia); una volta terminato il periodo gratuito previsto dall’offerta e qualora il cliente decidesse di cambiare modello di polizza, si inizierebbe un nuovo percorso assicurativo e il cliente verrebbe inserito di nuovo in classe d’ingresso.
  • anche per i neopatentati la scadenza del periodo di polizza gratuita comporta un cambiamento della classe assicurativa di appartenenza; la legge c.d. Bersani permette infatti ai neopatentati di usufruire della classe di merito di un familiare, con la clausola che sia però egli stesso a figurare come proprietario del veicolo nel primo contratto d’assicurazione.Alla fine del periodo dell’offerta il neopatentato si trova invece a dover assicurare il veicolo, di cui è già proprietario, una seconda volta e così la legge Bersani viene automaticamente annullata.
    In entrambi i casi descritti l’accettazione dell’offerta si dimostra svantaggiosa: alla scadenza della stessa il proprietario del mezzo si trova infatti costretto a pagare un costo più elevato per il nuovo contratto d’assicurazione, rispetto a quello che avrebbe pagato se non avesse usufruito della polizza gratuita.
0.00